Che grande momento, cari amici!

ago 5, 2011   //   by Ines Desideri   //   Libri  //  2 Comments

“Gentile amica di Peter Pan,

abbiamo ricevuto la Tua donazione e Grande è la nostra riconoscenza come il nostro sogno: la creazione della Grande Casa per i bambini malati di cancro …

Più che mai il Tuo appoggio e incoraggiamento ci saranno di grande aiuto.

Con infinita gratitudine.”

Carissimi amici,

ritengo opportuno condividere con voi il ringraziamento e la gratitudine espressi dalla Presidente dell’Associazione Peter Pan – Signora Giovanna Leo – in una lettera che ho ricevuto ieri.

In questo colgo, infatti, il senso più profondo e significativo della nostra scelta di pubblicare il Diario, ufficialmente conosciuto come La misura del coraggio.

Parlo della nostra scelta, poiché abbiamo volutamente atteso che i nostri figli, Marco e Luca, fossero adulti e potessero decidere, con piena consapevolezza e in totale libertà, cosa fare dei miei “quadernini”.

Era giusto che fosse così, che fossero innanzitutto loro  a decidere, perché è soprattutto di una parte delicatissima della loro vita che parlo ne La misura del coraggio.

I nostri figli hanno desiderato la pubblicazione e di questo loro desiderio siamo fieri.

Hanno voluto, come abbiamo voluto Antonio e io, che i diritti d’autore fossero interamente devoluti in beneficenza e di questa loro volontà siamo ancor più fieri, poiché mai avrei accettato di pubblicare il Diario per trarne un profitto personale.

Ora l’Associazione Peter Pan ha ricevuto la “donazione” , mi ringrazia ed esprime la sua gratitudine.

In questo caso la “donazione” non è un atto personale, ma collettivo: i diritti d’autore devoluti sono soprattutto un Vostro contributo, poiché Voi avete acquistato il mio libro, contribuendo ognuno alla “donazione”.

Aspettavo questo momento, perché nella condivisione di questo momento colgo il senso più profondo e significativo della nostra scelta.

A Voi giungano la nostra gratitudine e il nostro affetto.

2 Commenti

  • Cara Ines,
    L’associazione ti onora. Riconosce il sacrificio, le tribolazioni e il coraggio di una madre.
    Sono fiero, per te, e contento di aver contribuito, anche se in minima parte, alla tua crociata contro il cancro.
    Ernesto Carbonelli
    Toronto

    • “Ogni cosa che facciamo è come una goccia nell’oceano, ma se non la facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno” (Madre Teresa di Calcutta).
      Per te, carissimo Ernesto, con profonda stima.

Lascia un commento